La collana della Regina – 8a puntata – I ritratti di Maria Antonietta

Elisabeth Vigée le Brun: ritrattista di Maria Antonietta, Regina di Francia, alla Corte di Versailles

Maria Antonietta ritratta da Lebrun

Maria Antonietta nel ritratto del

L’abito indossato dalla baronessa d’Olivas, alias Marie Nicolas d’Esigny[1] la notte dell’11 agosto 1784 nei giardini di Versailles, in occasione della truffa organizzata nei confronti del Cardinale di Rohan e della Regina Maria Antonietta, era ispirato al dipinto fatto alla Regina nel 1783 da Elisabeth Vigée le Brun[2], che è considerata la ritrattista più famosa di Maria Antonietta; il tema fu da lei riproposto nel 1786 in nuovo quadro, poi esposto nei Saloni di Versailles.

Marie Elisabeth Louise Vigée le Brun[3] era figlia di un pittore; quando costui si accorse che anche lei era portata al disegno, la spinse a perfezionare il suo talento facendola iscrivere nel 1774 all’Accademia Reale delle Arti di Saint-Luc.

Invitata a Versailles nel 1778 per eseguire dei dipinti della Regina Maria Antonietta, ne divenne d’allora la più assidua e fedele ritrattista riproducendola in circa una trentina di opere.

autoritratto di Lebrun a Firenze

Autoritratto

Fuggita in Italia nel 1789 a causa della Rivoluzione Francese, si recò in alcune capitali d’Europa: Vienna, San Pietroburgo e Berlino, dove continuò la sua opera di pittrice.

Rientrata a Parigi nel 1800, fu accolta con stima ed entusiasmo; tuttavia, dato il rapporto conflittuale con i rappresentanti del Regime Imperiale di Napoleone, di cui non condivideva fatti e idee, poiché era rimasta sempre fedele simpatizzante della Monarchia, ne ripartirà subito per vari viaggi in altri Paesi, quali l’Inghilterra e la Svizzera.

Finalmente rientrata a Parigi durante la Restaurazione, vi passò gli ultimi anni dettando le sue Mémoires.

E’ sepolta a Louveciennes, nei pressi di Parigi.

 

Molti dei suoi ritratti di Maria Antonietta sono esposti a Versailles, altri sono presenti nei Musei di Vienna, mentre alcuni sono conservati presso collezionisti privati.

 


[1] Vedi in questo capitolo alla voce: Affare della Collana della regina; personaggi minori, la nota a lei dedicata.

[2] Vedi nelle Illustrazioni del presente volume.

[3] (Parigi, 16 aprile 1755; Parigi, 29 maggio 1842).

Abstracs dal libro di Tommaso De Chirico: Il conte di Cagliostro nel suo tempo, 2° volume della trilogia sul conte di Cagliostro, Ed. Mnamon, Milano, 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *