Omeopatia e Legge dei simili

In Medicina, sin dall’Antichità, hanno convissuto due differenti e antitetiche strategie terapeutiche che rispondono a questi principi: contraria contrariis curantur, quando ci si avvale di farmaci che provocano, nel malato, effetti opposti a quelli causati dalla malattia (sono gli antispastici, gli anticatarrali, gli antipiretici, etc…) nel tentativo di controllare i sintomi; similia similibus curentur, invece, quando i rimedi terapeutici sono in sintonia con le reazioni dell’organismo, cioè, hanno la stessa espressione sintomatologica.
ippocrateIl primo principio corrisponde alla Terapia Allopatica, quella in uso nella Medicina Tradizionale, il secondo alla Terapia Omeopatica, in uso nella Medicina cosiddetta Non Convenzionale o Complementare (non Alternativa!).

Comunemente, si ritiene che la strategia terapeutica della cura con i simili sia un’espressione risalente al pensiero del medico greco Ippocrate (Kos, 460 a. C.; Kos, 357/351 a. C.), il quale, per primo, affermò…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *